In bici a scuola: quando le rastrelliere?

In bici a scuola: quando le rastrelliere?

L’anno scolastico è ormai concluso, è il momento di pensare al prossimo anno e alle iniziative da portare avanti durante l’estate 2021 per arrivare a settembre preparati.

Il sindaco Casciano, che si fregia dell’appellativo di “Sindaco della Bici”, potrebbe essere interessato sul tema della mobilità sostenibile ai problemi del bike sharing (ormai cronici), a quello dei monopattini, alle ciclabili lungo la Statale 24. E’ ormai noto che il Gruco, pubblicizzato come iniziativa duratura, sarà limitato nel tempo e nell’impatto.

Tra le iniziative che abbiamo proposto nei mesi scorsi e su cui crediamo valga la pena tornare quella delle rastrelliere nelle scuole pubbliche collegnesi. Riteniamo poco utile promuovere il bike-to-school con insistente comunicazione sui social, se poi l’iniziativa si riduce ad una giornata in cui fare due foto da mettere sui Facebook dei politici locali.

Crediamop piuttosto che un vero interesse per la promozione si possa vedere dai fatti concreti. Il bike-to-school, cioè l’incentivare studenti e genitori a raggiungere le scuole in bici anzichè in auto, ha necessità di tre elementi basilari: infrastrutture (ciclabili e zone pedonali davanti alle scuole), informazione dei genitori ed educazione nelle scuole, posti sicuri in cui depositare la bici una volta giunti a destinazione.

Se sulle infrastrutture non c’è molto da dire (le ciclabili collegnesi non brillano nel panorama delle best practice), sulla formazione riteniamo che serva un piano di educazione civica concordato tra istituti scolastici e formatori professionisti (esiste?), mentre sulle rastrelliere abbiamo chiesto nei mesi scorsi un impegno preciso e concreto al sindaco della bici: metterci la faccia e promettere che entro settembre 2021 tutte le scuole pubbliche di Collegno abbiano una rastrelliera interna dove possano essere lasciate le bici in sicurezza. Siccome non abbiamo ricevuto risposta, riportiamo il tema all’attenzione della nostra giunta comunale.

Il sindaco è disposto a impegnarsi su questo obbiettivo? Metterà a disposizione fondi comunali perchè si possano acquistare e installare, senza che questo problema debba essere risolto dalla buona volontà dei singoli genitori?

Se spendiamo 15mila euro di soldi pubblici per uno show itinerante, qualche migliaio di euro per le rastrelliere sembrano alla portata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.