Piazza Pertini come il deserto del Sahara

Piazza Pertini come il deserto del Sahara

Da mesi ormai chiediamo all’amministrazione di occuparsi di Piazza Pertini, che con l’arrivo dell’estate torna ad essere invivibile.

Nella foto di una cittadina collegnese, anziani costretti a sedersi per terra per la mancanza totale di panchine all’ombra: i “tetti” artificiali non ombreggiano infatti le sedute, diventando praticamente inutili. L’assenza di verde e il mancato uso di materiali adatti crea inoltre un’isola di calore.

Un problema che si trascina da anni: già attorno al 2010 vennero installati, durante la Giunta Accossato, dei frangisole. Ma poi furono cambiati perchè non facevano ombra. Soldi pubblici spesi per cambiare ma il risultato è sotto gli occhi di tutti: nemmeno al secondo giro pare che il problema sia risolto. Forse i cittadini devono salire sul palco della piazza (a proposito, quante volte è stato usato? quanto è costato?) per farsi sentire?

Nella nostra Fabbrica delle Idee, avevamo già segnalato che nei centri urbani in estate spesso si verifica un fenomeno microclimatico, detto effetto isola di calore, che comporta un surriscaldamento locale con un aumento delle temperature fino a 4- 5° rispetto alle zone periferiche o alle campagne.

Questo fenomeno è causato dall’intensa urbanizzazione, ma è possibile intervenire scegliendo materiali adeguati e valorizzando il verde urbano. Per la Piazza Pertini è urgente la realizzazione di un’area ombreggiata con panchine, dove le persone (soprattutto anziane) possano sedersi.

L’assessore competente ci dirà cosa intende fare ed entro quando? Sperando che nel frattempo qualche anziano non abbia un malore per il troppo calore…

1 thought on “Piazza Pertini come il deserto del Sahara

  1. Tutto molto vero! Immezzo alle aiuole vi sono cespugli di rovi tenuti male e pericolosi anche per I bambini in quanto hanno spine lunghe oltre un cm.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.