Incrocio vie Sassi/ Cervi: torna il progetto di rotonda con pista ciclabile?

Incrocio vie Sassi/ Cervi: torna il progetto di rotonda con pista ciclabile?

Torna la rotonda tra le vie Sassi e Cervi: dopo la cancellazione del progetto nel 2020, è stato approvato lo studio di fattibilità del nuovo progetto, con un affidamento diretto da 233mila euro.

L’intervento farà parte delle modifiche alla viabilità nell’area di Via De Amicis e zone limitrofe, dove gli oneri di urbanizzazione (a scomputo) degli interventi di edilizia residenziale e terziario sono andati a finanziare interventi sulle strade del quartiere.

In sintesi, spesso il Comune anzichè incassare direttamente i soldi degli oneri di urbanizzazione per poi appaltare i lavori, chiede alle stesse aziende che costruiscono palazzi, negozi o centri commerciali di effettuare direttamente i lavori per un importo di pari valore.

Nel caso specifico dell’incrocio tra via Fratelli Cervi e via Sassi, per il sub Comparto “C” di Corso Pastrengo era prevista da un progetto del 2019 la realizzazione di una rotatoria stradale all’intersezione tra le Vie F.lli Cervi e Sassi, bloccata nel 2020 perchè i residenti di Via Cervi 23 lamentavano notevoli difficoltà nell’utilizzo del proprio passaggio carraio qualora fosse realizzata la rotatoria. Per questo motivo il Comune decise di stralciare il progetto della rotatoria andando ad incassare circa 124mila euro.

Le aree private poste a ovest dell’asse stradale di Via F.lli Cervi, separate dalla Via Sassi, sono però attualmente oggetto di variante urbanistica per la realizzazione dell’ambito denominato “COMPARTO 2-3 VIA DE AMICIS”, all’interno del quale si prevede la realizzazione di nuovi edifici destinati a terziario/commerciale e residenziale e nel quale l’intersezione Sassi/Cervi risulta strategica per la gestione del traffico indotto.

L’amministrazione ha avviato a novermbre 2021 un progetto preliminare di rotonda, oltre che per individuare la miglior soluzione viabile e tecnica per la gestione del traffico, anche per capire quali aree private coinvolte dal progetto dovranno essere oggetto di esproprio. Si ipotizzano 355 metri quadri da espropriare.

progetto preliminare

Nel progetto preliminare, la realizzazione di una rotatoria stradale in luogo dell’attuale intersezione a “T” previa demolizione/rimozione di alcuni manufatti esistenti (marciapiedi, new jersey in cemento, etc.); la modifica all’impianto di illuminazione pubblica esistente prevedendo la collocazione dei nuovi pali all’interno dell’isola centrale della rotatoria; l’adeguamento/realizzazione dei marciapiedi e dei percorsi pedonali ai fini dell’abbattimento delle barriere architettoniche attraverso la creazione di scivoli, ove mancanti, e riqualificazione delle pavimentazioni sconnesse; infine la realizzazione della connessione ciclabile tra V.le Certosa e Via De Amicis lungo la via F.lli Cervi.

Come si intuisce dal prospetto generale, le aree attualmente occupate da terreni sono oggetto di progettazione per edilizia residenziale e terziaria (coimparti 2-3): non è dunque da escludere che a breve arrivino anche i progetti definitivi per nuovi edifici e aree commerciali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.