Usare LVE per gli ipovedenti nei futuri lavori stradali

1
Proponiamo che i prossimi lavori pubblici adottino il nuovo sistema LVE per gli ipovedenti in sostituzione dell’attuale LOGES, non più rispondente alle norme europee.

LVE (Loges Vet Evolution) è un’evoluzione di LOGES e, pur mantenendo le caratteristiche fondamentali del precedente sistema tattile, rispetta ora le normative europee. Con LVE tutti i codici sono dotati di un transponder con rilevatore, a forma di disco, posizionato sul retro.  Gli utilizzatori possono così ricevere informazioni ulteriori sul percorso, con una mappatura dell’intero percorso relativo ad ogni singolo adeguamento.

LVE utilizza profili, rilievi, spessori, distanze, spaziature, specificamente studiati anche da non vedenti specializzati nel settore e che tutti i parametri sono stati sottoposti al vaglio di prove tecniche e pratiche e modificati all’occorrenza, fino ad essere ottimizzati in relazione alle capacità percettive dei disabili della vista e alle specifiche modalità utilizzate dagli stessi per muoversi in autonomia.

LVE è stato progettato allo scopo di contribuire in maniera rilevante a favorire gli spostamenti autonomi e sicuri dei non vedenti e degli ipovedenti, come anche a facilitare gli anziani, la cui acuità visiva è di solito notevolmente ridotta. Proprio a beneficio di ipovedenti e mal vedenti, è previsto che gli elementi tattili siano anche contrastati cromaticamente o, a dir meglio, sotto l’aspetto del coefficiente di luminanza (contrasto chiaro-scuro).

Riteniamo che una città accogliente e sicura debba adeguarsi all’evoluzione dei sistemi, e speriamo che già nei prossimi lavori pubblici la città di Collegno voglia adottare il nuovo sistema.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.